Go to the top

Il FinTech: opportunità, rischi e la necessità di un presidio normativo chiaro

Riflessioni e pubblicazioni /

Stiamo facendo un viaggio e non sappiamo bene a che punto siamo. Probabilmente ancora ad un punto iniziale. Siamo infatti entrati – da alcuni decenni – nel territorio del FinTech, un termine che ci racconta un fenomeno fortemente pervasivo, del quale in pochi hanno piena consapevolezza. Finanza e tecnologia ormai viaggiano necessariamente a braccetto, ma la portata dell’impatto di questa relazione non è ancora dispiegata pienamente. Anzi, parliamo di un contesto di cui abbiamo scorto solo modeste – ma al contempo potentissime – potenzialità.

Mentre l’industria bancaria, finanziaria, assicurativa e immobiliare sta cavalcando l’onda del cambiamento per implementare quanto più possibile la gamma dei servizi offerti ai consumatori e ai risparmiatori (dai sistemi di pagamento super smart alla sottoscrizione di soluzioni di investimento totalmente disintermediata dalla consulenza e chi più ne ha più ne metta), cresce il dibattito sui rischi connessi al dirompente sviluppo del FinTech.

servizi pagamento bancario

Il primo rischio è quello del calo della redditività bancaria: la tecnologia rende più efficienti i processi e i servizi, ma il campo è sempre più presidiato da startup snelle, che non devono sostenere tutte le strutture di costo della banca tradizionale la quale, di conseguenza, è obbligata a rendersi competitiva proponendosi in versione ‘più conveniente’ rinunciando ai margini.

Uno studio della Banca d’Italia ci spiega come esista un ‘diverso grado di regolamentazione dell’attività bancaria tradizionale rispetto agli specifici segmenti presidiati dalle start-up FinTech: in alcuni casi, l’attività svolta da tali operatori (…) ancora sfugge a una disciplina specifica. Qualora la possibilità di tale arbitraggio regolamentare venisse rimossa, la concorrenza tornerebbe a focalizzarsi sull’innovazione tecnologica e organizzativa quale fonte di un vantaggio competitivo sostenibile.

Secondo un’analisi condotta dall’Eba (Autorità Bancaria Europea) nel 2018, nella percezione degli intermediari i potenziali impatti del FinTech riguardano principalmente i servizi di pagamento, i servizi bancari e di intermediazione con la clientela al dettaglio e la gestione patrimoniale: in particolare, il FinTech minaccia di erodere i ricavi da commissioni, mentre risultano relativamente limitati i benefici in termini di incremento dei ricavi e di riduzione dei costi”. Un cambiamento enorme dal quale non si può più fare marcia indietro, che va gestito e sempre più ‘normato’. E anche la normativa di settore si evolve di giorno in giorno, e richiede un presidio ‘accademico’ rilevantissimo, come quello che esercita la protagonista della nostra conversazione.

Gianna Martinengo

“DONNE SCIENZA INVENZIONE CARRIERA – Progetto di Gianna Martinengo”
Dalle esperienze alle skill al role model, viaggio tra le professioniste e scienziate che stanno facendo progredire il mondo della scienza italiano e internazionale. Interviste a “mente aperta” anticipate da un viaggio nei diversi mercati dell’innovazione.

Pubblicato su https://it.iqos.com/it/news/donne-scienza-invenzione-carriera/fintech-innovazione-tecnologica-mondo-finanziario

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.